Ultima modifica: 4 marzo 2019

proposta didattica offerta dall’ associazione Amnesty

Nei giorni del 9 e del 16 gennaio scorso gli alunni della classe 3 A dell’Istituto Agrario e Alberghiero di Marsala hanno partecipato ad una proposta didattica offerta dall’associazione Amnesty International sui diritti umani coordinata dalla docente di lingua inglese, prof.ssa Matilde Sciarrino. Obiettivo del progetto era quello di promuovere la conoscenza e dei diritti umani da una prospettiva teorica e la consapevolezza del loro rispetto nella pratica quotidiana.

La responsabile provinciale della sezione trapanese di Amnesty International, dott.ssa Manuela Agate, e l’attivista Debora Oddo, nei loro due interventi hanno coinvolto gli studenti in modo diretto e attivo. In una prima parte sono stati letti, in lingua inglese, tutti i trenta articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) che sono stati tradotti dagli studenti sotto la guida della docente e di Debora Oddo. In una seconda fase, sono stati organizzati giochi di ruolo e attività di simulazione, parte in inglese, parte in italiano, al fine di stimolare una riflessione sulle tematiche alla luce della nostra realtà quotidiana. Infine, le due operatrici di Amnesty hanno illustrato l’attività dell’Associazione che dal 1961 lotta per la difesa dei diritti umani. I temi delle discriminazioni di vario genere, di esclusione sociale, dei pregiudizi e degli stereotipi sono stati affrontati dagli studenti che hanno avuto modo anche di riflettere sull’appello lanciato dall’associazione per chiedere che venga fatta chiarezza sulla morte di Giulio Regeni avvenuta il 3 febbraio del 2016 in Egitto per cause ancora da accertare.

Nei prossimi mesi sono previsti altri interventi di educazione ai diritti umani da parte dell’Associazione Amnesty International nella scuola. Per le classi del biennio sono previste attività aventi per tema il bullismo e il cyber bullismo, mentre gli studenti del triennio saranno coinvolti in laboratori sul tema delle discriminazioni di genere.

Lascia un commento

 




Utenti online